Non disturbare i manovratori

Quoto e diffondo il titolo e l’articolo di Marco Travaglio (da Voglio Scendere)

Nella scorsa legislatura ebbero grande risonanza mediatica (almeno sui giornali) gli appelli promossi e firmati da alcuni fra i nostri più prestigiosi giuristi e docenti universitari contro le leggi vergogna del governo Berlusconi e contro gli attacchi dell’allora premier all’indipendenza e all’autonomia della magistratura. Qualcuno si domanderà: che fine han fatto quei giuristi e docenti universitari ora che le leggi vergogna (dall’indulto al bavaglio di Mastella ai giornalisti su intercettazioni e atti d’indagine) le promuove il centrosinistra, ora che gli attacchi all’indipendenza e all’autonomia della magistratura li muove l’Unione all’unisono col centrodestra?

Ottima domanda. Ma la risposta è ancora meglio: gli stessi giuristi e docenti universitari, il 29 ottobre, hanno promosso e sottoscritto un appello contro l’incredibile richiesta di trasferimento del pm Luigi De Magistris da parte del cosiddetto ministro della Giustizia (se n’è occupato proprio oggi il Csm, per rinviare un’altra volta). I princìpi citati dall’appello sono gli stessi che sostenevano gli appelli anti-Berlusconi. Che cos’è cambiato? Che nessun giornale ha pubblicato l’appello. I giornali di destra pretendevano di censurare i riferimenti alla continuità col governo Berlusconi. I giornali di sinistra, evidentemente, preferiscono non disturbare il manovratore. Anzi, i manovratori. I giornali “indipendenti”, anzichè esserlo dagli schieramenti, lo sono dalla verità dei fatti. Pubblico l’appello “clandestino” qui di seguito, con i nomi dei primi firmatari. Come si diceva qualche anno fa, leggete e diffondete.

Link: L’appello

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...