Il Booko Nero, piccolo angolo della cultura /3

In genere il destino si apposta dietro l’angolo, come un borsaiolo, una prostituta o un venditore di biglietti della lotteria, le sue incarnazioni più frequenti. Ma non fa mai visite a domicilio. Bisogna andare a cercarlo.

Carlos Ruiz Zafòn – L’ombra del vento

Leggi l’archivio del Booko Nero

Annunci

10 pensieri su “Il Booko Nero, piccolo angolo della cultura /3

  1. Dott. Servatius

    … assai bello ed indubbiamente suggestivo, benchè poco rispondente al vero; nel mio caso (se sovente parlerò di me stesso è perchè, come amava sostenere Wilde, è l’unico argomento di cui so praticamente tutto) – lungi dal ricercarlo – ho sempre rifuggito il destino e lui mi è sempre corso dietro, spesso raggiungendomi e cambiandomi sostanzialmente i connotati. Non sempre siamo quindi noi a cercarlo, ma spesso (assai di frequente) è lui a trovarci ed a perseguitarci senza sosta. Rammento a tale proposito una vecchia pratica giudiziaria che ebbi a seguire tanti anni fa: il celebre caso “Setti – Capita / Seisf – Igato”. Ebbene, la sentenza emessa nel ridetto procedimento ha per me sempre costituito un indiscusso precedente, vincolante per tutti gli anni a venire, con buona pace dei sognatori e dei teneri cuori di panna …..

    Rispondi
  2. Servilia La Claque

    …quanta saggezza ed esperienza nelle sue parole; evidentemente deve avere molto sofferto nella sua vita…
    Quanto vorrei averlo vicino per poterlo consolare…
    Oltre ad essere bellissimo, dev’essere anche tanto sensibile…
    Felice la femmina che se lo sposa !

    Rispondi
  3. Dott. Servatius

    Ringrazio l’amica Servilia per il premuroso interessamento, ma -come si dice al tavolo da gioco – “sono servito”… non sono poi affatto triste, semmai pienamente consapevole. Particolare non trascurabile se si considera che c’è gente che cerca la consapevolezza tutti i giorni per tutta la vita e difficilmente riesce a trovarla…

    Rispondi
  4. anestesia

    All’amico avvocato vorrei dire che c’è anche chi, consapevolmente, la rifugge per tutta la vita.

    Chi lo dice infatti che la consapevolezza sia un valore aggiunto?

    Rispondi
  5. Sig. Pococurante (nobile veneziano)

    A dire il vero trovo tutta questa discussione alquanto oziosa, quasi quanto la primeva nascita, se dell’uovo o della gallina…
    Effettivamente potrebbe essere un valore aggiunto, ma potrebbe anche non esserlo: dipende dalle circostanze contingenti.
    avvocati… anestesisti… a chi giova tanta animosità ?

    Rispondi
  6. Sig. Pococurante (nobile veneziano)

    …e poi quanti corridori: chi fugge dal destino, chi dalla consapevolezza. Per andare dove poi ?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...