La posta di Lady Velenia /160

Cara Lady Velenia,

ti racconto la mia storia. Quindici anni fa ho avuto una breve storia con l’ex fidanzato della mia migliore amica Elena, che mi ha giurato vendetta e che da allora non ho più rivisto. Sino a sei mesi fa.

Ero al supermercato, in tuta, sovrappeso e spettinata, alle prese con i miei due gemelli Tullio e Tiberio, che arraffavano qualsiasi cosa e che non riuscivo davvero a tenere a bada.

All’improvviso la vedo, splendida e levigata; mi sorride con dolcezza e l’aria di essere sinceramente contenta di incontrarmi. Le racconto che sono stanchissima, che la tata dei gemelli mi ha lasciata su due piedi perché non riusciva a contenerli e che non so proprio come fare. Lei mi accarezza affettuosamente una guancia e mi propone la sua fidatissima cugina, maga con i bambini.

La incontro: trentun anni, laureata in pedagogia, specializzazione in Svizzera, inglese perfetto, ottime referenze, dolce, ma ferma. La tata ideale! La assumo subito e da allora il rapporto con Elena sembra ritornato quello di un tempo.

La settimana scorsa rientro a casa prima del previsto e, come nella più classica delle storie, trovo la tata a letto con mio marito. Ho cercato Elena al telefono: non mi risponde più.

Lettera firmata, Asti.

Cara amica, la mia vecchia zia me lo diceva sempre che nella mitologia greca c’è la risposta ad ogni domanda. Hai mai sentito parlare del cavallo di Troia?

LV

Scrivimi, ho una parola buona per tutti… | Leggi il mio archivio
Hai già letto Il Booko Nero, la mia nuova rubrica culturale?

Annunci

3 pensieri su “La posta di Lady Velenia /160

  1. Tino Sapien (cuginetto di Lapi Gnola)

    Non si tratta solo di mitologia, Sig.ra Velenia: la città di Troia è realmente esistita. Avrà sentito parlare del grande archeologo Heinrich Schliemann….. Me lo ha rivelato in classe la mia cuginetta Lapi (magari non lo sapete, ma ha solo 14 anni), appassionata studiosa degli antichi elleni.

    Rispondi
  2. Lapi Gnola

    E’ proprio come dice Tino (ho solo 14 anni). Vorrete mica accostare – anche solo per gioco – l’Iliade alla condotta poco commendevole di una volgare tata peripatetica (tanto per stare in tema di koinè attica) ? A proposito, anch’io avrei bisogno di una tata. Sarebbe possibile avere il nominativo di quella dei piccoli Tullio e Tiberio ?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...